Due tendenze del business della birra artigianale nel 2022: Cannabis e blockchain – Craft Brewing Business

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

robot per birra artigianale blockchain di cannabis
Ho pensato che questo riassumesse bene le cose.

Mentre il 2021 ha presentato numerose sfide all'industria della birra artigianale a causa delle interruzioni dovute alla carenza di manodopera e materiali, molti birrifici artigianali sono stati in grado di resistere alla tempesta. Anche se l'anno scorso abbiamo visto la riapertura di sale bar, bar e ristoranti, abbiamo continuato a vedere i birrifici fare affidamento sulla distribuzione per entrate aggiuntive, una tendenza iniziata nel 2020 quando i birrifici sono stati costretti a vendere direttamente ai consumatori con mezzi diversi a causa delle restrizioni dovute al COVID-19 .

Mentre molte restrizioni COVID sono state revocate, i produttori di birra artigianale continuano ad accogliere questa ulteriore fonte di entrate. Molti all'interno dell'industria della birra sono stati sostenuti dal sostegno federale attraverso il Restaurant Revitalization Fund (RRF), l'American Rescue Plan Act e il Craft Beverage Modernization and Tax Reform Act (CBMTRA). Una tendenza ampia e incoraggiante è la diversificazione dei consumatori e dei produttori di birra.

Tuttavia, il 2021 non è stato solo titoli forti e crescita.

  • Gli eventi meteorologici gravi, i cambiamenti climatici e la carenza di manodopera e produzione hanno avuto un impatto sull'industria della birra nel 2021. La produzione di orzo negli Stati Uniti è diminuita del 31% rispetto al 2020, rappresentando il raccolto più piccolo degli Stati Uniti dal 1934.
  • Anche il futuro del luppolo potrebbe essere in pericolo poiché le piantagioni di luppolo del primo anno sono state pesantemente influenzate dal caldo record del 2021.
  • I produttori di liquori stanno attivamente conducendo una campagna per rimuovere gli oneri fiscali che renderanno le bevande analcoliche più competitive con i consumatori.
  • Infine, il più grande produttore americano di lattine di alluminio ha annunciato un aumento di cinque volte del requisito minimo di ordine. Al 31 dicembre 2021, Ball Corporation ha deciso di posticipare le modifiche al 1 marzo 2022, ma ha notato che stanno affrontando sfide per fornire garanzie sulla data di consegna ai clienti senza contratto. Mentre il produttore di lattine consentirà ordini più piccoli attraverso i suoi distributori, la modifica dei termini aumenta i costi aggiungendo un altro livello alla catena di approvvigionamento.

All'inizio del 2022, prevediamo che due grandi tendenze emergeranno e cresceranno nel mercato della birra artigianale. In primo luogo, vedremo probabilmente una continua collaborazione ed esplorazione delle birre alla cannabis. In secondo luogo, poiché la blockchain continua a dimostrare il suo valore e ottiene una maggiore accettazione tra consumatori e produttori di birra, continueranno a esserci soluzioni di marketing creative e possibili fonti di reddito per l'industria della birra.

Cannabis e birra artigianale

Sebbene l'idea delle bevande alla cannabis non sia nuova per stati come il Colorado, dove la cannabis ricreativa è legale da quasi un decennio, quest'anno prevediamo un aumento degli investimenti nelle birre alla cannabis. Le birre alla cannabis possono assumere la forma di prodotti infusi di CBD o THC.

Ad esempio, nel 2018, il fondatore di Blue Moon ha lanciato CERIA, un'azienda di birra analcolica che offre anche una versione dei suoi prodotti a base di cannabis. CERIA è stata la prima birra artigianale del Colorado con infuso di THC e analcolica e Molson Coors ha annunciato ulteriori investimenti in una linea di bevande al CBD, Veryvell, all'inizio del 2021. A causa dei requisiti normativi, la birra con infuso di THC sarà analcolica.

I produttori di birra dovrebbero essere consapevoli del fatto che la produzione di cannabis implica un elevato livello di conformità normativa e navigazione oltre ciò che è tipicamente richiesto per le vendite di birra alcolica, ma non dovrebbero essere dissuasi dall'attingere all'industria in crescita multimiliardaria.

I birrifici adottano l'innovazione blockchain

La blockchain, una parola che può significare investimento e milioni di nuovi soldi per alcuni e confusione per altri, è qui per restare e ha iniziato a farsi strada nel mondo della birra. La blockchain è un registro decentralizzato che fornisce trasparenza e può convalidare le transazioni attraverso un forum pubblico, anziché privato. Le criptovalute come Bitcoin sono basate e si basano sulla tecnologia blockchain.

L'anno scorso, la blockchain è entrata nel mercato della birra attraverso i cosiddetti token non fungibili (NFT). Gli NFT sono risorse digitali uniche che vengono spesso utilizzate per la vendita di arte digitale. Gli NFT vengono utilizzati anche come token, consentendo a un proprietario di far parte di una comunità esclusiva o di avere diritto a determinati vantaggi.

Almeno tre birrifici si sono tuffati a capofitto nello spazio NFT l'anno scorso, ciascuno con un piano diverso. Denver Beer Co. ha lanciato una NFT "Beer For Life" che ha messo all'asta online, ottenendo 4.33 ETH o circa $ 16,000. Questa è una vendita diretta che consente al titolare della NFT di riscattare fino a quattro birre al giorno in una qualsiasi delle sale di degustazione di Denver Beer Co.. Alternate Ending Beer Co. ha concesso in licenza una popolare NFT, adottando l'approccio NFT "comunitario" concedendo in licenza a Bored Ape Yacht Club NFT la licenza per commercializzare la sua prima grisette di piselli maltati nel paese. Questa tattica di licenza della NFT può coinvolgere una comunità completamente nuova che potrebbe non aver fatto parte o non essere interessata all'industria della birra artigianale prima. Infine, 7 Bridges Brewing Co. ha creato una birra artigianale NFT, che consente agli acquirenti di portare la loro birra nel metaverso, una piattaforma virtuale 3D che è stata ampiamente resa popolare attraverso il recente rebranding di Facebook in Meta.

Nessuna idea è troppo grande o troppo piccola per la blockchain e le sue possibilità apparentemente illimitate di innovazione sia all'interno che all'esterno dell'industria della birra. Prevediamo che altri produttori di birra, così come l'intera industria della birra, si baseranno sull'ottimo lavoro svolto nel 2021.

Guardando al futuro

Mentre le sfide si prospettano a causa della continua carenza di manodopera, della mancanza di materiali e forniture e delle incognite legate al COVID, la comunità dei produttori di birra ha sempre mostrato la sua resilienza nei momenti difficili e la capacità di catturare le menti di milioni di persone attraverso la sua creatività e l'interruzione di un tradizionale spazio. Prevediamo di vedere anche espansioni e contrazioni del mercato più tradizionali, ma siamo entusiasti del futuro dell'industria artigianale poiché collabora con altri all'avanguardia, come aziende di cannabis e innovazioni sulla blockchain, NFT e altre risorse digitali.

Bobby W. Dishell è un avvocato presso Moye White, dove si occupa di leasing immobiliare, certificazioni di cannabis e rappresentare i produttori di birra artigianali del Colorado in tutti gli aspetti delle questioni commerciali.

Fonte di notizie

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI