Trump odia Bitcoin ma le Nazioni possono detenere le riserve Crypto negli anni 10

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

Balaji Srinivasan, ex partner di a16z ed ex CTO di Coinbase, ha affermato che in futuro, ogni nazione potrebbe essere costretta a detenere la crittografia.

Srinivasan, che ora opera come un angelo investitore, disse:

"Dieci anni dopo il lancio di Bitcoin, il Presidente degli Stati Uniti e il Presidente della Federal Reserve stanno entrambi discutendo lo stesso giorno. Il tono quasi non importa. Dieci anni quindi, questo sarà di routine. Ogni stato-nazione potrebbe dover tenere la crittografia "

La dichiarazione di Srinivasan arriva dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell hanno discusso di bitcoin lo stesso giorno.

Il presidente Trump non è un fan del bitcoin, Powell dice che BTC ha usato come alternativa all'oro

Alla Testimonianza del Senato all'inizio di questa settimana, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che, data l'attuale livello di adozione di asset crittografici come il bitcoin, la classe di attività non rappresenta una seria minaccia esistenziale nei confronti delle valute di riserva come il dollaro USA.

"Cose del genere sono possibili ma non abbiamo visto un'adozione diffusa. Bitcoin è un buon esempio. Davvero, quasi nessuno lo usa per i pagamenti. Lo usano più come alternativa all'oro, è una riserva di valore, è un deposito speculativo di valore come l'oro ", ha detto.

Tuttavia, Powell ha sottolineato che ciò non significa che i beni crittografici non avrebbero successo e se inizieranno a ricevere un'adozione diffusa, gli Stati Uniti potrebbero vedere un ritorno all'era di avere molte valute diverse.

Leggi la storia completa su CCN.com.



Fonte di notizie

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI