Il Kazakistan si sta stabilizzando, le affermazioni del governo mentre i minatori di criptovalute guardano al futuro nel Paese - Mining Bitcoin News - Bitcoin News

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

La situazione in tutto il Kazakistan, colpito dalle proteste antigovernative nella prima settimana dell'anno, si sta normalizzando, affermano le autorità centrali. L'enorme industria mineraria di criptovalute del paese, che ha dovuto affrontare un blackout di Internet durante i disordini civili oltre alla carenza di energia, ora spera che il paese rimanga comunque un luogo attraente per i minatori.

Il presidente Tokayev ha la nazione sotto controllo

Dopo giorni di disordini, l'amministrazione assediata del presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev afferma che ora il paese si è stabilizzato. Le forze dell'ordine hanno ripreso tutti gli edifici amministrativi che sono stati attaccati dai manifestanti e i servizi comunali sono in fase di restauro, secondo una dichiarazione rilasciata domenica i funzionari hanno informato il capo dello stato durante un incontro.

I problemi in Kazakistan sono iniziati il ​​2 gennaio con manifestazioni nella provincia occidentale di Mangistau contro l'aumento dei prezzi del gas naturale e di altri combustibili che si sono trasformate in proteste politiche di massa che hanno travolto la repubblica dell'Asia centrale. Negli scontri sono morte un numero non confermato di persone e sono state arrestate 5,800 persone, tra cui cittadini stranieri, secondo fonti ufficiali.

Tokayev è stato citato per aver sottolineato che le forze di sicurezza attueranno tutte le misure necessarie per ripristinare completamente la legge e l'ordine pubblico nel paese, ha riferito l'agenzia di stampa russa Interfax. Il presidente ha emesso l'ordine di istituire una commissione governativa speciale incaricata di affrontare le conseguenze dei disordini nelle regioni colpite.

Nonostante le sfide, i minatori di criptovalute vedono il futuro in Kazakistan

Con le sue tariffe elettriche basse e limitate e l'atteggiamento generalmente positivo nei confronti dell'industria delle criptovalute, il Kazakistan ha attratto numerose società minerarie nel mezzo del massiccio esodo causato dalla repressione del governo sul settore in Cina dal maggio 2021. Tuttavia, l'afflusso di minatori, che ha aumentato il quota dell'hashrate bitcoin globale di oltre il 18%, è stato accusato di un crescente deficit di elettricità, superiore al 7% nei primi tre trimestri dello scorso anno.

Secondo la Data Center Industry and Blockchain Association of Kazakhstan (NABCD), che riunisce i due terzi dei minatori legali del paese, le rivolte non hanno colpito le regioni in cui operano le società di criptovalute ufficiali. La recente diminuzione dell'hashrate bitcoin è stata causata dalle interruzioni temporanee di Internet, ha spiegato l'organizzazione del settore in un comunicato stampa fornito tramite Coinstelegram, insistendo sul fatto che l'effetto della situazione attuale sul settore e sui prezzi delle criptovalute è a breve termine. Il presidente della NABCD Alan Dorjiyev ha commentato:

Attualmente, le aziende, membri dell'Associazione, lavorano come di consueto. Da parte nostra, stiamo lavorando per garantire che la responsabilità sociale delle imprese dia un contributo positivo alla vita dei residenti delle regioni in cui hanno sede i data center.

"In una prospettiva strategica, il Kazakistan rimarrà una delle aree più interessanti per lo sviluppo del mining di criptovalute", ritiene il NABCD. Assicura che ora sta mantenendo il dialogo con le autorità governative competenti e ha annunciato che le restrizioni precedentemente imposte alla fornitura di elettricità sono state allentate per le entità minerarie legali. La notizia arriva dopo che un rapporto di dicembre ha rivelato che alcune aziende minerarie hanno iniziato a spostare attrezzature fuori dal paese a causa di interruzioni di corrente.

Tag in questa storia
associazione, Bitcoin, Blockchain, Crypto, minatori di criptovalute, mining di criptovalute, Criptovalute, Criptovaluta, Data Center, deficit, dimostrazioni, Elettricità, Energia, combustibili, Hashrate, Internet, Kazakistan, Minatori, estrazione, Interruzioni, alimentazione, Presidente, Prezzi, Proteste , Rivolte, carenze, situazione, disordini

Ti aspetti che il Kazakistan rimanga un importante hotspot di mining di criptovalute? Dicci nella sezione commenti qui sotto.

Lubomir Tassev

Lubomir Tassev è un giornalista dell'Europa orientale esperto di tecnologia a cui piace la citazione di Hitchens: "Essere uno scrittore è ciò che sono, piuttosto che ciò che faccio". Oltre a criptovalute, blockchain e fintech, la politica e l'economia internazionali sono altre due fonti di ispirazione.




Crediti Image: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un'offerta diretta o una sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita, né una raccomandazione o avallo di prodotti, servizi o società. Bitcoin.com non fornisce consulenza di investimento, fiscale, legale o contabile. Né la società né l'autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per eventuali danni o perdite causati o presunti essere causati da o in connessione con l'uso o la dipendenza da qualsiasi contenuto, beni o servizi menzionati in questo articolo.

Fonte di notizie

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI