Sviluppo 'On the Chain' per promuovere l'adozione blockchain off-chain? - Cointelegraph

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

Nell'ultimo decennio, la tecnologia blockchain e ledger distribuito ha avuto un impatto enorme su una moltitudine di settori, con 84% di organizzazioni che sperimenta la tecnologia, con oltre la metà (52%) di progetti blockchain in fase di ricerca e sviluppo, secondo al PwC Global Blockchain Survey.

Le industrie che stanno facendo passi da gigante con blockchain includono servizi finanziari, manifatturiero, energia e servizi pubblici, assistenza sanitaria e settori governativi, ma il potenziale della tecnologia è illimitato. In definitiva, qualsiasi azienda che sta cercando di semplificare il metodo di elaborazione di grandi volumi di transazioni garantendo al contempo la verificabilità di tali transazioni - trarrà vantaggio dall'uso della tecnologia blockchain.

Quindi, cosa riserva il prossimo decennio per la blockchain e quali ostacoli ci sono da superare per vedere la vera adozione mainstream?

Criptovalute: il diversificatore di portafoglio di nuova generazione

La tecnologia Blockchain è stata spesso erroneamente associata alla volatilità di Bitcoin. Mentre la blockchain è davvero la tecnologia di base che alimenta Bitcoin e altre criptovalute, ha poco a che fare con i suoi picchi e depressioni.

La volatilità dei prezzi di bitcoin e criptovaluta è guidata principalmente dalle percezioni degli investitori sulla sicurezza delle loro partecipazioni insieme alle prospettive per Bitcoin e altre criptovalute di diventare un diversificatore affidabile del portafoglio con l'aumentare dell'adozione istituzionale.

Solo nell'ultimo anno, l'oro è aumentato del 10%, mentre il Bitcoin è aumentato di oltre il 180% rispetto al dollaro degli Stati Uniti. Il recente taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense per la prima volta dalla crisi finanziaria segnala un ritorno allo stimolo monetario e fiscale sotto forma di un allentamento quantitativo, che potrebbe avere un impatto negativo sulla fiducia nelle valute legali. In tal caso, potremmo presto assistere alla fuga di capitali che potrebbe tradursi in un calo delle prestazioni del dollaro USA, in caso di significativa perdita di fiducia nelle banche centrali.

Prestazioni crittografiche di un anno

Performance di criptovaluta di un anno. Fonte: coin360.com

Le criptovalute, d'altra parte, hanno dimostrato di essere una delle attività più performanti dall'inizio dell'anno, sovraperformando altre classi di attività più tradizionali, come azioni, materie prime e immobili. Anche se potrebbe non essere prudente mettere tutte le proprie uova in un unico paniere, il caso di includere le attività digitali come diversificatore di portafoglio a lungo termine è più forte che mai, ma resta da vedere come si esibiranno le criptovalute in periodi di estrema macroeconomia o stress del mercato.

Facebook, vedi Google? Il business case per blockchain

Quando Facebook dice "Salta!" Gli utenti chiedono "Quanto in alto?" Tuttavia, non è sufficiente che le aziende saltino sul carrozzone della blockchain senza ulteriori indagini sulla fattibilità della blockchain e se sia la soluzione giusta per un'azienda.

L'applicabilità della blockchain dipende molto dal fatto che un'azienda soddisfi una serie di criteri, incluso se più parti condividono e aggiornano i dati; se l'azienda ha un database di clienti, per cui esiste un requisito di verifica; intermediari di terze parti che aggiungono complessità che la blockchain potrebbe potenzialmente rimuovere; se le interazioni sono sensibili al tempo; e se le transazioni interagiscono.

Dispositivi collegati (miliardi)

Blockchain vedrà un'adozione molto maggiore quando gli approcci e i metodi di applicazione della tecnologia del libro mastro decentralizzato delle organizzazioni e delle istituzioni diventano più mirati, al contrario dell'adozione di un quadro unico per tutti. Ciò consente alle aziende di mitigare inutilmente i rischi associati all'integrazione della blockchain nelle proprie attività.

New kid on the block (chain): The Internet of Things (IoT)

La crescente diffusione della connettività Internet alle cose nella nostra vita di tutti i giorni - come il termostato intelligente Nest, le lampadine intelligenti Philips Hue, i dispositivi indossabili come gli orologi intelligenti Garmin - significa che c'è una grande quantità di dati raccolti che potrebbero trarre vantaggio dal fatto di essere archiviati in modo sicuro e modo verificabile.

È qui che entra in gioco la blockchain. Con il numero complessivo di dispositivi connessi che dovrebbe crescere a 29 miliardi da 2022 (18 miliardi dei quali saranno legati all'IoT), c'è una necessità sempre più urgente di salvaguardare il volume di dati che verranno raccolti da loro. Blockchain elimina i guasti a punto singolo con la sua rete distribuita di computer, nonché potenziali inefficienze a causa di sistemi centralizzati sovraccarichi. L'ulteriore livello di sicurezza della Blockchain significa anche che i dati personali - inclusi i dati raccolti da dispositivi cardiaci impiantabili (!) - sono molto meno vulnerabili all'hacking.

Il futuro della raccolta fondi: dagli ICO agli STO agli IEO

Luglio 31 segna il sesto anniversario dell'introduzione della prima offerta di monete iniziale (ICO) nello spazio blockchain, con JR Willett che lancia Mastercoin (ora Omni). Man mano che l'industria matura, la natura della raccolta fondi nello spazio è cambiata. Abbiamo assistito a uno spostamento dagli ICO, con il lancio di offerte di token di sicurezza (STO) nei mercati pubblici e un'ulteriore progressione verso offerte di scambio iniziali (IEO) in 2019.

Sebbene le ICO richiedano una riduzione del capitale iniziale e presentino barriere all'ingresso inferiori per gli investitori, sono state afflitte da vendite fraudolente di token e truffe, che alla fine hanno spaventato gli investitori. Questo è stato seguito da un significativo spostamento verso la conformità normativa, che è essenziale se queste pratiche di raccolta fondi - e la blockchain in generale - vedono un'adozione diffusa. A differenza delle ICO, i token di sicurezza emessi durante una STO sono supportati da un'attività sottostante che riflette un valore monetario, che offre agli investitori una maggiore trasparenza.

Il controllo da parte di vari organismi di regolamentazione - come la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti e la Swiss Financial Market Supervisory Authority - può fornire una certa protezione. D'altro canto, le stesse linee guida regolamentari indicano che la partecipazione alle STO è limitata agli investitori istituzionali. Quindi, come potrebbe essere il futuro della raccolta fondi nello spazio della blockchain andando avanti?

Gli IEO - ovvero le vendite di token condotte direttamente tramite uno scambio, con gli emittenti che pagano una commissione di quotazione - sono la più nuova forma di raccolta fondi. Sebbene siano leggermente meno regolamentati rispetto alle STO, i clienti Know You e altri controlli sono obbligatori, con gli scambi che garantiscono la dovuta diligenza prima che un token sia elencato. Inoltre, poiché tutte le transazioni avvengono tramite uno scambio, questo metodo di raccolta fondi è considerato più sicuro rispetto agli ICO, i cui siti Web di progetto potrebbero non disporre delle necessarie misure di sicurezza.

Mentre la tecnologia blockchain passa dall'essere riservato all'élite high-tech a una tecnologia che può essere applicata alle masse, assisteremo senza dubbio a un cambiamento nella percezione su scala globale. Man mano che il mercato matura e la tecnologia segue l'esempio, vedremo le applicazioni del mondo reale in tutti i settori, ridefinendo il modo in cui facciamo affari.


Alexandra Tinsman è presidente della Fondazione NEM.io, che mira a introdurre, educare e promuovere l'uso della piattaforma tecnologica blockchain NEM su scala internazionale per tutti i settori e le istituzioni. L'obiettivo della Fondazione NEM.io in 2019 è supportare la commercializzazione e il lancio di Catapult, la prossima iterazione del motore NEM principale.

Con più di 20 anni di esperienza nel marketing dei prodotti B2B e dei consumatori, Alexandra ha lavorato con alcuni dei più grandi marchi del mondo in software, giochi hi-tech, intrattenimento e servizi online, tra cui Microsoft Xbox, Xbox LIVE, Bing, Windows Phone, Skype e MSN, in cui ha sviluppato, eseguito e gestito campagne di marketing globali e strategie di mercato.

Ha anche lavorato su alcuni dei primi asset digitali negoziabili al mondo utilizzati in Pokémon Online, Magic: The Gathering Online, League of Legends e Xbox Digital Marketplace.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni espressi qui sono solo autori e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.

Fonte di notizie

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI