Il trading di criptovaluta Chainlink mostra segni di truffa pump-and-dump - VentureBeat

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

Il modello commerciale della criptovaluta Link di Chainlink suggerisce una truffa sospetta di "pump-and-dump" o un tentativo di manipolare il prezzo del token di criptovaluta, secondo una società di analisi.

L'insolito modello di mercato è stato scoperto dal team di AnChain.ai, una società di analisi delle transazioni blockchain. Ed è significativo perché il token Chainlink ha un valore di mercato di $ 650 milioni e ha perso circa $ 600 in valore nelle ultime settimane. Non è chiaro chi stia facendo la truffa pump-and-dump e AnChain non ha offerto prove del fatto che chiunque sia associato a Chainlink sia associato alla truffa. La società stessa sta negando qualsiasi ruolo nella presunta manipolazione, rilevando che il trading di criptovaluta non è sotto il suo controllo.

Pump and dump è una forma di frode con microcap in cui il prezzo di un'attività, spesso a bassa capitalizzazione di mercato e volume di azioni, viene manipolato da un gruppo di attori coordinati attraverso una serie di acquisti ad alto volume. Questa domanda gonfiata artificialmente provoca un drammatico aumento del prezzo del suddetto bene ed è spesso accompagnata da un afflusso di investitori ignoti che non sono consapevoli della natura manipolata del picco.

Alla fine, i truffatori scaricano le loro azioni, inondando il mercato e abbassando il prezzo, lasciando gli investitori ordinari in possesso di molte azioni senza valore. Le criptovalute sono vulnerabili a questa forma di attacco, poiché le monete sono spesso concentrate nelle mani di un piccolo numero di investitori. Se gruppi di individui collaborano, possono facilmente manipolare il prezzo di mercato. Nel normale trading di borsa, tali schemi sono illegali, ma nello spazio crittografico non regolamentato, tali regolamenti potrebbero non essere applicabili.

"Siamo fiduciosi che la nostra ricerca sia illustrativa della manipolazione artificiale del mercato in quanto coinvolge un piccolo numero di indirizzi che rappresentano un volume di transazioni enormemente sproporzionato in un breve periodo di tempo e che queste transazioni sono state soggette a varie forme di offuscamento e occultamento atipici di legittima attività di mercato ", ha affermato Victor Fang, CEO di AnChain.ai, in un'e-mail.

Sopra: Link di Chainlink è una criptovaluta top-10.

Credito di immagine: CoinBase

AnChain.ai ha studiato il trading da aprile 1 a luglio 26, 2019 e si è azzerato sul trading che si è verificato da luglio 8 a luglio 10. La società ha tentato di cogliere le transazioni dei token e il prezzo di mercato dei token e ha trovato indirizzi e attività sospette che hanno influenzato il prezzo di mercato.

Da aprile a luglio, ci sono state transazioni 111,858 e 110,947 ha avuto successo. A partire da giugno 28, il prezzo per il token ha iniziato a salire. Un numero limitato di operazioni ha contribuito all'aumento del prezzo. AnChain.ai ha scoperto che ci sono stati tentativi di nascondere l'attività di trading. La società ha iniziato a monitorare indirizzi specifici associati alle negoziazioni.

Un indirizzo ha venduto 4.2 milioni di token da luglio 2 a luglio 15. L'utente aveva più "jump address" e alla fine trasferiva i token allo scambio di criptovalute Binance per il trading.

"Riteniamo che un'ulteriore diligenza sia cruciale per il progresso dell'ecosistema. Se la criptovaluta deve prosperare spostandosi verso il futuro, la regolamentazione deve diventare il centro della conversazione ", ha affermato AnChain.ai. “Le manipolazioni del mercato di questo tipo esatto, tuttavia, hanno un impatto negativo duraturo sull'immagine della criptovaluta nei media mainstream che non è così facilmente riparabile. Incoraggiamo il settore delle criptovalute nel suo insieme a rendere la legittimità e l'integrità del mercato una priorità assoluta mentre continua a crescere. "

Sergey Nazarov, CEO di SmartContract, ha dichiarato in una e-mail: "Il mercato dei token Link opera a parte Chainlink, che non ha aderito alle richieste di scambio per elencare il token Link". Ha affermato che la sua azienda non è in grado di prevedere quale sia uno scambio l'elenco di Link può o meno comportare. "

In altre parole, c'è un effetto che accade a una criptovaluta quando inizia a fare trading su un nuovo scambio. A giugno, il token Link ha iniziato a fare trading su CoinBase, lo scambio di criptovaluta più popolare. In genere, quando ciò accade, c'è una raffica di scambi nella nuova valuta e il prezzo aumenta. Si chiama "CoinBase effect" nel settore.

AnChain non ha notato il possibile impatto dell'effetto CoinBase nel suo rapporto. In un'e-mail di follow-up, AnChain.ai ha affermato che i dati pump-and-dump sembrano precedere il debutto CoinBase del token Link.

Chainlink con sede a San Francisco è stato lanciato nell'estate di 2017. Chainlink si descrive come un middleware blockchain sicuro che collega i contratti intelligenti (programmi eseguiti sulla blockchain) attraverso blockchain. Ciò consente ai contratti intelligenti di accedere a risorse off-chain come feed di dati, API Web e conti bancari. E la società afferma che rappresenta un modo per risolvere il "problema dell'oracolo" per i contratti intelligenti, o l'incapacità dei contratti intelligenti di interagire con eventi off-chain. Un oracolo consente la consegna di dati a un contratto e Chainlink afferma che può espandere ciò che i contratti intelligenti sono in grado di superare la tokenizzazione.

In precedenza, AnChain.ai aveva riferito dell'attività di trading di bot nello spazio blockchain. Chainlink ha detto che sta lavorando con aziende come Google, Oracle e Swift. Il white paper della società descrive come la società fornisca un meccanismo di Oracle sicuro, affidabile e decentralizzato, che la società ha coautore con Ari Juels, ex capo scienziato di RSA (la principale società di sicurezza informatica al mondo).

Fonte di notizie

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI