Blockchain può salvare il "Made in USA"? - OZY | A Modern Media Company - OZY

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

  • Krissy e Alex Mashinsky, veterani del mondo della moda e delle criptovalute, hanno lanciato una piattaforma per prodotti di fabbricazione americana, verificata da blockchain.
  • Usastrong.io mira a competere con artisti del calibro di Etsy e Amazon concentrandosi sugli "eroi locali" e sulla sostenibilità.

Mentre COVID-19 ha devastato New York la scorsa primavera, Krissy Mashinsky ha voluto fare la sua parte per rinvigorire l'economia producendo localmente una collezione di abbigliamento casual. Ma dopo aver riscontrato una mancanza di produttori locali, in un momento in cui le catene di approvvigionamento internazionali erano senza fiato, ha iniziato a pensare in grande.

Il risultato è una partnership tra l'ex dirigente di Urban Outfitters e il marito, imprenditore tecnologico, Alex: usastrong.io, un mercato digitale per prodotti di fabbricazione americana verificato da blockchain. Il loro obiettivo audace è quello di sfidare colossi come Amazon, eBay ed Etsy, dove le merci straniere si affiancano alla merce made in America, per accendere una scintilla per i produttori nazionali sostenibili.

Krissy e Alex Mashinsky

Storicamente, con la possibile eccezione delle auto, gli americani si sono avvicinati allo shopping made in America con un grande grado di noia. Lo stesso vale per l'acquisto con in mente l'ambiente. Ma questo sta cambiando. Krissy ha lavorato in Urban Outfitters per 17 anni e ha avuto una finestra sul target demografico del popolare marchio di moda. "Adesso è importante", dice Krissy. "La Generazione Z e i millennial vogliono sapere come è stata realizzata."

I Mashinskys credono che il boom della sostenibilità, oltre a storie di "eroi locali" come produttori, rivenditori di strade principali e attività da casa, ci aiuterà a spingerci forte.

Dopo la pandemia, i consumatori hanno iniziato a mostrare una maggiore preferenza per lo shopping più vicino a casa, secondo Accenture. Ogni settimana Krissy ospita uno spettacolo di vendita in live streaming "Friday Local" con le aziende sulla piattaforma usastrong, incluso l'abbigliamento casual usastrong dell'azienda. Usastrong prende il 5-6% delle vendite dai marchi, un taglio simile a Etsy e inferiore ad Amazon, che in media è del 13%.

L'elenco dei prodotti della piattaforma è eclettico, dall'abbigliamento al miele. Successivamente, i Mashinskys stanno guardando il vino.

Venti aziende in 17 stati sono attualmente a bordo e i Mashinskys ne sentono di più ogni giorno. Il piano è di aggiungere 12,000 imprese entro la fine del 2021. “It deve essere organico ", afferma Alex, CEO della società di criptovaluta Celsius Network. “Non possiamo coltivarlo troppo velocemente. Questa non è una gara."

Il pezzo blockchain è fondamentale. Il Made in America è come il selvaggio West. Chiunque può apporre un'etichetta "Made in USA" su una tazza di ceramica, una felpa con cappuccio in pile o una candela profumata. A favore di questa confusione è che i vari componenti di un prodotto potrebbero provenire da paesi diversi. Una camicia potrebbe avere i bottoni prodotti in Cina, il tessuto proveniente dall'Italia, le tasche prodotte in Turchia e le maniche prodotte in Tanzania, con l'intero capo assemblato negli Stati Uniti. È fatto in America?

Usastrong ha creato un processo per aiutare la verifica. I venditori forniscono la prova che sono locali. I marchi sono incoraggiati ad avere un proprietario personificato, senza nascondersi dietro i veli aziendali in cui la proprietà può essere oscurata. Le merci devono avere un numero limitato di componenti per essere tracciate meglio dalla blockchain, il registro digitale verificabile sottostante alle criptovalute.

Oltre ai proprietari di FaceTiming e alla verifica degli indirizzi, usastrong ha stabilito ambasciatori in ogni stato che visitano i siti aziendali per verificare che siano locali. Il sistema richiede la collaborazione dei partecipanti. Usastrong, per definizione, attirerà produttori e altri venditori che apprezzano la certificazione made in America. Alex Mashinksy afferma che presto concederà in licenza la sua tecnologia blockchain ad altre aziende.

L'elenco dei prodotti della piattaforma è eclettico, dall'abbigliamento al miele. Successivamente, i Mashinskys stanno guardando il vino. "Parte del motivo per cui Amazon ha acquistato Whole Foods era per le licenze dei liquori", dice Krissy. "È la prossima area di interruzione."

Non tutti sono entusiasti del locale e della sostenibilità. Il grande movimento verde degli aughts non ha avuto un impatto enorme perché i rivenditori hanno praticamente ignorato i problemi di sostenibilità e catena di fornitura, afferma Gary Wassner, CEO della società di finanziamento della moda Hilldun. "Non credo che sia ancora un punto di forza", dice Wassner. “I consumatori sono governati dal loro portafoglio. E in questo momento, siamo concentrati su altre cose ". Ma Wassner ha riconosciuto che la sostenibilità sarà "la norma" per i marchi emergenti.

MaryAnn Wheaton, un ex dirigente della moda che era il capo di Krissy Mashinsky, dice che per noi, per quanto lavoriamo, "Dovranno davvero costruire un marchio attorno ad esso. Perché hai ancora le ragazze che guardano una borsetta e dici: 'Sono $ 3,000! Ed è prodotto in Cina. ' E dicono: "Ma non lo ami e basta?" "

C'è un altro rischio nella partnership stessa. Le discussioni sull'EBITDA sono noti assassini delle chiacchiere.

Ma dopo anni passati a coltivare con successo una grande famiglia mista - Krissy e Alex hanno sei figli tra loro, dai 5 ai 21 anni - Krissy, 50 anni, e Alex, 55, hanno deciso che forse possono unire la loro formidabile esperienza lavorativa.

"In 20 minuti, abbiamo avuto l'idea", dice Alex mentre siedono fianco a fianco in una chiamata Zoom. Con le spalle squadrate e la mascella squadrata, indossa una maglietta nera casual con la scritta "Unbank Yourself". I suoi lucidi capelli biondi cadono con cura sulla sua camicetta cremosa in stile vittoriano con collo alto e fiocco nero.

Alex è abituato a muoversi nell'incertezza, come imprenditore seriale ed essendo emigrato da bambino dalla sua città natale, l'Ucraina, in Israele, dove ha frequentato l'Università di Tel Aviv, arrivando negli Stati Uniti a 22 anni. Tra le aziende che ha fondato era una delle prime attività di ride-share simile a Uber, chiamata GroundLink.

Krissy è cresciuta in Connecticut e New York, dove ha frequentato il Fashion Institute of Technology e il Vassar College. Ha trascorso la sua vita professionale nel mondo aziendale. Quando ha lasciato lo scorso anno, era presidente di URBN Wholesale, che comprendeva Urban Outfitters, Anthropologie e Free People.

L'impulso di Krissy è stato evidente fin dall'inizio, secondo MaryAnn Wheaton, che era il capo di Krissy quando Wheaton era agente di gestione per le attività statunitensi dello stilista francese Christian Lacroix. "Era aggressiva, non stava prendendo confidenza con il mio assistente", dice Wheaton. “Non aveva paura. Non le importava se alla gente non piaceva. Stava per portare a termine il lavoro. "

Krissy, ricorda Wheaton, aveva una messa a fuoco nitidissima. “All'ora di pranzo non c'era corsa alla svendita di Chanel a Bergdorf, come le altre ragazze. E aveva un alto livello di energia che era contagioso. Sono diventato dipendente da lei. ... Se Krissy ha visto un buco, lo stava attraversando. "

E nel gioco di avvio, questo è ciò di cui hai bisogno.

Fonte di notizie

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI