Prezzo del bitcoin: perché la criptovaluta va in crash? I prezzi delle criptovalute di BTC, Ethereum, Dogecoin, Solana e altri sono crollati nel 2022

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

Prezzo del bitcoin: perché la criptovaluta va in crash? I prezzi delle criptovalute di BTC, Ethereum, Dogecoin, Solana e altri sono crollati nel 2022

Il prezzo di Bitcoin è sceso ancora più in basso per raggiungere la nuova soglia di $ 40,000 lunedì (10 gennaio) mentre il primo crollo delle criptovalute del 2022 continua.

Mentre il prezzo di Bitcoin veniva scambiato a circa $ 50,000 poco più di un mese fa, i prezzi delle criptovalute su tutta la linea sono crollati mercoledì sera (5 gennaio).

Iscriviti adesso alla nostra newsletter quotidiana

La newsletter tagliare il rumore

I timori per gli aumenti dei tassi di interesse statunitensi e l'impatto delle proteste e dei disordini politici in Kazakistan sulle considerevoli operazioni minerarie del paese sembrano essere le forze che guidano il calo iniziale del prezzo del Bitcoin, poiché i mercati tradizionali e quelli delle criptovalute lottano con l'impatto del coronavirus sulla ripresa economica globale .

I ricercatori dell'Università di Cambridge hanno stimato che il paese attualmente afflitto da proteste e rivolte per l'aumento dei prezzi del carburante sia la seconda casa al mondo per il mining di criptovalute dopo che la Cina ha represso le operazioni minerarie nel 2021.

Continua a leggere...

Continua a leggere...

Kazakistan: cosa ha provocato le rivolte in Kazakistan e cosa è successo finora?

Il mercato delle criptovalute è sceso del 4.71% nelle ultime 24 ore alle 2.50:4.3 di lunedì secondo Coinbase, con Bitcoin in calo del 5%, Ethereum del 7% e Solana di oltre il XNUMX% mentre il calo dei prezzi delle criptovalute continua.

Ecco perché le criptovalute stanno ancora andando in crash, cosa ha causato il crollo del mercato delle criptovalute oggi e gli ultimi prezzi di Bitcoin, Ethereum, Solana, Cardano, XRP, Shiba Inu coin e Dogecoin.

Prezzo del bitcoin: perché la criptovaluta va in crash? BTC, Ethereum, Dogecoin, Solana e altri prezzi nel crash delle criptovalute 2022 (Image credit: Getty Images/Canva Pro)

Qual è il prezzo di Bitcoin oggi?

Lunedì 10 gennaio, il prezzo di Bitcoin è sceso nuovamente, segnando un ritorno a una soglia di supporto di $ 40,000 tra i trader di criptovalute poiché i livelli di fiducia sembravano calare.

La criptovaluta più grande del mondo veniva scambiata a circa $ 40,975.53 (£ 30,154.45) alle 1.38:XNUMX di questo pomeriggio, secondo Coinbase, in calo del 2% sulle ultime 24 ore.

Il volume degli scambi della valuta digitale è sceso del 16% nelle ultime 24 ore secondo i dati raccolti da CoinMarketCap, con il volume degli scambi di 24 ore di Bitcoin a $ 23,045,677,290.

Il bitcoin ha oscillato tra $ 41,000 e $ 42,500 da venerdì mattina, dopo che il valore della principale criptovaluta è scivolato mercoledì la scorsa settimana.

A partire dalle 8.45:1.6 di venerdì, il prezzo di Bitcoin è sceso dell'24% rispetto alle 42,185.15 ore precedenti a $ 31,194.02 (£ XNUMX) prima di scendere ulteriormente quel giorno.

Nelle ultime settimane, il prezzo di Bitcoin ha oscillato principalmente tra $ 45,000 e $ 50,000 nelle ultime settimane, raggiungendo un recente massimo di $ 52,100 il 27 dicembre.

Il prezzo della principale criptovaluta è sceso da $ 45,000 a $ 42,500 alle 10.30:5 di mercoledì (XNUMX gennaio), con l'improvviso crollo del prezzo della criptovaluta ripreso da un calo del prezzo di Ethereum.

Il prezzo della principale criptovaluta ha visto i recenti guadagni di quasi $ 15,000 che sono stati cancellati dal tabellone per Bitcoin dopo che si è avvicinato al raggiungimento della nuova soglia storica di $ 70,000 a novembre.

Perché le criptovalute sono in calo oggi?

Il prezzo del bitcoin ha registrato un aumento rialzista fino a quasi $ 70,000 di valore all'inizio di novembre, poiché gli investitori speravano di vedere la capitalizzazione di mercato di $ 1 trilione della criptovaluta rimanere saldamente al suo posto prima di un periodo di trading volatile.

Ma è sceso sotto i 50,000 dollari alla fine del 2021 quando i mercati di Stati Uniti e Regno Unito hanno lottato per far fronte alle rinnovate preoccupazioni per Covid-19, la variante Omicron e l'elevata inflazione.

L'ultimo calo del prezzo di Bitcoin è avvenuto mercoledì (5 gennaio) in seguito a una forte svendita dell'indice Nasdaq, con la banca centrale statunitense pronta ad abbandonare le sue politiche monetarie legate alla pandemia di coronavirus con aumenti dei tassi di interesse e un potenziale taglio dei titoli per restringere il proprio bilancio.

500 punti sono stati cancellati dall'indice Nasdaq pesantemente tecnologico in seguito al rilascio del verbale dell'ultimo incontro della Federal Reserve statunitense di dicembre, in cui “le aspettative per una riduzione dell'accomodamento delle politiche sono andate notevolmente avanti”.

Il Nasdaq è sceso di 500 punti ed è stato scambiato in ribasso di circa il 3.34% per chiudere a 15,100.17 mercoledì.

L'impatto è stato avvertito anche su altri indici azionari statunitensi, con il Dow Jones Industrial Average (DJIA) scambiato in ribasso di circa l'1.07% e l'S&P500 in ribasso dell'1.94% mercoledì.

Ma la criptovaluta ha anche subito un duro colpo poiché le operazioni di criptovaluta in Kazakistan, che sono proliferate da quando la Cina ha messo fuori legge l'estrazione di criptovaluta nel paese, questa settimana sono diminuite a causa di un'interruzione di Internet a livello nazionale.

Il paese è precipitato in disordini politici, dopo che la decisione del governo kazako di consentire ai tassi di mercato di governare i prezzi del carburante nel paese ha visto raddoppiare il prezzo del gas di petrolio liquefatto, scatenando negli ultimi giorni proteste di massa sull'economia e sui diritti umani nel paese.

Mercoledì si è verificato un blackout di Internet, secondo quanto riferito dall'organizzazione dell'osservatorio sull'interruzione di Internet netblocks, con operazioni di mining di criptovalute bloccate che si riflettono in un calo dell'hashrate di Bitcoin.

I pool di mining di bitcoin hanno visto un calo di almeno il 12% del numero di hash BTC durante il blackout di Internet di mercoledì, ha twittato Larry Cermak, vicepresidente della ricerca presso The Block, mercoledì.

A novembre, il Financial Times ha riferito che l'aumento delle operazioni di mining di criptovalute nel paese stava vedendo interruzioni di corrente in tutto il paese poiché gli impianti minerari ad alta intensità energetica hanno causato blackout in diverse regioni del Kazakistan e la rete elettrica ha minacciato di razionare l'alimentazione ad alcuni minatori di criptovalute.

Prezzi di mercato delle criptovalute oggi

Con le criptovalute che spesso si muovono in tandem con Bitcoin, Ethereum, la criptovaluta sinonimo della crescente tendenza cripto degli NFT, giovedì è stato scambiato in ribasso dell'11% dopo aver raggiunto un nuovo record di quasi $ 5,000 all'inizio di novembre.

Il prezzo di Ethereum è sceso al di sotto della soglia di $ 4,000 ed è stato scambiato a $ 3,042.77 (£ 2,245.71) alle 1.40:3 di lunedì, con un ulteriore calo del 24% nelle ultime XNUMX ore.

Il clamore che circonda i memecoin popolari Dogecoin allo stesso modo ha fluttuato negli ultimi mesi poiché le nuove monete alt e meme hanno rubato i riflettori.

Il prezzo di Dogecoin è stato scambiato in ribasso di circa il 2.26% nelle ultime 24 ore a $ 0.15 (£ 0.11) lunedì pomeriggio.

La moneta Shiba Inu, il cosiddetto "killer Dogecoin", è stata scambiata in calo del 4% nelle ultime 24 ore a $ 0.00002700 (£ 0.00001990) a partire dalle 1.47:XNUMX di lunedì.

Nel frattempo, Cardano (ADA) i prezzi stanno fluttuando intorno a $ 1.12 (£ 0.82) con un calo del 3.5% nelle ultime 24 ore dopo essere scesi di quasi il 10% giovedì, XRP è sceso dell'1.47% a $ 0.734739 (£ 0.540932) e solario è sceso del 2.67% a $ 135.88 (£ 100.04) alle 1.45:XNUMX di lunedì.

Quando è stato l'ultimo crash delle criptovalute?

A giugno, il governo cinese ha represso le considerevoli operazioni di mining di criptovalute che si svolgevano nella provincia di Sichuan e ha chiesto che le banche e i canali di pagamento cinesi smettessero di supportare transazioni crittografiche decentralizzate e anonime.

Ciò ha visto i prezzi di Bitcoin scendere al di sotto dei $ 30,000 in un drammatico crollo a causa del suo enorme successo.

La criptovaluta ha continuato ad aumentare e diminuire mentre altre amministrazioni e autorità di regolamentazione globali rimuginano sulla legislazione per frenare l'aumento dell'attività crittografica spesso attribuita al riciclaggio e alla criminalità.

A seguito della mossa dello stato cinese, anche paesi come la Corea del Sud si sono impegnati ad affrontare l'aumento del riciclaggio di denaro che avviene tramite criptovaluta, mentre la polizia metropolitana ha annunciato di aver chiuso con successo un'enorme operazione di riciclaggio di denaro di criptovaluta nel Regno Unito.

A luglio il Met ha sequestrato un'operazione di criptovaluta del valore di 180 milioni di sterline nel più grande sequestro di criptovaluta del Regno Unito fino ad oggi.

Le piattaforme di scambio di criptovalute come Binance da allora hanno sentito il caldo in tutto il mondo quando i regolatori e i governi hanno iniziato a girare le viti sulle operazioni di tali piattaforme sulla scia della repressione globale delle criptovalute.

Il risultato di ciò ha visto i prezzi più alti di Bitcoin dimezzati a giugno, con la moneta che ha lottato per uscire dalla fascia di prezzo medio-bassa di $ 30 fino a quando non ha ricevuto un gradito impulso dal CEO di Tesla Elon Musk nella sua apparizione alla grande conferenza Bitcoin a luglio .

L'aumento rialzista e la maggiore fiducia in Bitcoin potrebbero vederlo rimanere a prezzi fluttuanti tra $ 60,000 e $ 70,000 in futuro, ma con una maggiore resistenza in quanto guarda a una previsione di prezzo di $ 100,000 per l'anno a venire nel 2022.

Un messaggio dall'editore:

Grazie per aver letto questo articolo. Facciamo più affidamento che mai sul tuo supporto poiché il cambiamento delle abitudini di consumo causato dal coronavirus ha un impatto sui nostri inserzionisti.

Se non l'hai già fatto, considera di supportare il nostro giornalismo affidabile e verificato sottoscrivendo un abbonamento digitale.



Fonte

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI