Bitcoin Mining utilizza "Più energia della Svizzera"

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

Non è un segreto che l'estrazione di Bitcoin sia un processo ad alta intensità energetica. Tuttavia, le ultime ricerche svolte dall'Università di Cambridge hanno dimostrato quanto. I conti di Bitcoin minerario rappresentano circa il 0.25 del consumo energetico globale. In altre parole, è un po 'più che l'energia utilizzata da tutta la Svizzera. Ma forse il fatto ancora più allarmante è che questa cifra salirà ogni giorno che passa.

Ethereum Constantinople e Petersburg Forks
vjkombajn / Pixabay

L'indice del consumo di elettricità di Cambridge Bitcoin afferma che il consumo annuale si attesta a circa 60.45 TWh. Se Bitcoin fosse un paese, lo posizionerebbe 41st sulla lista in termini di consumo di energia, davanti a Svizzera, Israele e Bangladesh, e subito dietro a Cile e Austria.

[REIT]

Q2 lettere di hedge fund, conferenze, palette ecc

Perché così tanto?

I processori di computer generano o "estrapolano" bitcoin verificando le transazioni sulla rete blockchain. Per fare ciò, risolvono complessi enigmi matematici. Man mano che la rete cresce, aumenta la complessità dei puzzle, e così, a sua volta, la potenza di elaborazione necessaria per risolverli.

Lo studio, condotto dall'economista e dal guru blockchain Alex de Vries, ha predetto che con l'aumentare della popolarità di Bitcoin, aumenteranno anche le sue richieste di energia. Ciò ha alimentato il dibattito sul fatto che Bitcoin abbia la necessaria scalabilità per avviare la cripto nel mainstream.

Tutte le criptovalute non sono le stesse

Bitcoin potrebbe essere la criptovaluta originale e più conosciuta, ma non è l'unica. Ci sono molti commentatori che credono che alla fine, mentre Bitcoin sarà visto come il pioniere della criptovaluta, sarà un altcoin che porta la criptazione al livello successivo. Ancora più sento che il numero di trader che scelgono di acquistare il classico di Ethereum mostra esattamente dove dovremmo rivolgere la nostra attenzione.

Ethereum è stato il cavallo di stalking di Bitcoin negli ultimi tre o quattro anni, e mentre è ancora molto più piccolo in termini di capitalizzazione di mercato, ha la flessibilità tecnologica che potrebbe renderlo molto più sostenibile dal punto di vista energetico.

In che modo Ether è diverso?

In questo momento, Ethereum ha un'impronta energetica simile a Bitcoin. In termini di indice di consumo, è pari a circa 77 nella lista "paesi", alla pari con l'Islanda. In altre parole, una transazione di Ethereum utilizza più energia di quella consumata dalle famiglie americane tipiche in un giorno intero.

Tuttavia, il fondatore di Ethereum Vitalik Buterin non ha voglia di tirarsi indietro e vederlo accadere. Ha descritto le richieste di potere di cripto come "un enorme spreco di risorse", e ha continuato dicendo: "Ci sono dei veri consumatori - persone reali - il cui bisogno di elettricità viene rimosso da questa roba".

Buterin e la sua Fondazione Ethereum hanno annunciato piani per testare adeguatamente una revisione completa del codice di Ethereum. Se i calcoli di Buterin e dei suoi sviluppatori sono giusti, il nuovo codice potrebbe significare che le transazioni vengono completate usando solo l'1% delle richieste di energia che vediamo oggi.

Oltre ad essere una buona notizia per il pianeta, potrebbe essere un passo accorto per Buterin nel garantire che Ethereum abbia un futuro sostenibile.

Fonte di notizie

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI