Le aziende di Bitcoin respingono contro il proposto quadro normativo canadese per la crittografia

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

A maggio 16, 2019, scambio crittografico con sede a San Francisco, Kraken postato su Twitter una sintesi della sua risposta al Canadian Securities Administrators (CSA) "Proposed Framework for Crypto-Asset Trading Platforms":

"Kraken raccomanda vivamente contro il Canada di imporre un quadro di legge sulla sicurezza sugli scambi di criptovalute in risposta pubblica al Framework proposto per piattaforme di trading di Crypto-Asset pubblicato dal CSA", ha scritto Kraken.

Jonathan Hamel, consulente di tecnologia Bitcoin con il Montreal Economic Institute e fondatore di Académie Bitcoin, ha detto Bitcoin Magazine che, a suo avviso, il quadro di sicurezza proposto è un chiaro tentativo di regolamentare Bitcoin e portarlo sotto la competenza della CSA.

"I regolatori canadesi stanno vagando fuori dalla loro giurisdizione quando si tratta di Bitcoin", ha detto Hamel. "Esistono già sufficienti garanzie come KYC / AML imposte alle attività di servizi monetari da parte di Financial Transactions e Report Analysis Centre of Canada (FINTRAC)."

E, al di là di ogni tentativo di regolamentare Bitcoin, Hamel ritiene che la struttura proposta superi anche altre criptovalute.

"Siamo chiari, questo è un evidente tentativo di cattura normativa in cui alcune aziende criptografiche stanno partecipando per ottenere vantaggi sul mercato", ha detto. "Per quanto riguarda gli altri token (Ico), questi dovrebbero essere trattati nell'ambito del quadro normativo sui titoli esistente. Non è necessario un regolamento aggiuntivo. "

Bitcoin non è una sicurezza

Al centro di molti commenti sulla struttura proposta, come il seguente tweet di Francis Pouliot, l'imprenditore di Bitcoin, è l'affermazione che il bitcoin non è una sicurezza e quindi non ha alcun posto sotto i regolatori della sicurezza.

Nella sua sottomissione al CSA, la consulente dei servizi finanziari e la fondatrice di Octonomia Elisabeth Préfontaine, ha elaborato lo stato di sicurezza del bitcoin e la definizione di sicurezza, inclusa una lista esplicativa che sottolinea che il bitcoin non è mai stato una sicurezza perché nessun capitale monetario è stato aumentato a svilupparlo, non ci sono stati investimenti di capitale da parte di un fondatore ed è stato funzionale sin dal suo inizio, tra le altre ragioni.

"Il bitcoin non è una sicurezza, quindi non è una questione di regolamentazione dei titoli", ha detto Préfontaine Bitcoin Magazine. "[La CSA] non riconosce che ci sono aziende bitcoin-only e la loro mancanza di chiarezza è piuttosto problematica per l'industria dei bitcoin in Canada".

Un caso di linguaggio Mushiness

Sia Hamel che Préfontaine ci hanno detto che c'è un problema con la lingua vaga nella proposta.

Man mano che il cripto-spazio evolve, anche il linguaggio si evolve e non sempre con un significato chiaro e non sempre in modi concordati. Ad esempio, le attività di "blockchain" includono gli scambi di bitcoin?

"L'orientamento del documento di consultazione è problematico perché racchiude tutto (incluso il Bitcoin) sotto la vaga nozione di 'cripto-bene'", ha affermato Hamel.

Préfontaine ha sollevato lo stesso problema.

"I regolatori canadesi dei valori mobiliari stanno tentando di regolare qualcosa prima che lo abbiano definito correttamente," ha detto. "Stanno cercando di includere bitcoin nel quadro dei titoli utilizzando un linguaggio vago e associandolo al resto delle risorse crittografiche (come una grande categoria)".

Camera canadese del commercio digitale

La nuova Camera del commercio digitale canadese (CCDC), un'affiliata del CDC degli Stati Uniti, ha presentato una richiesta alla CSA che ha adottato un approccio più "middle-the-road".

Il CCDC vede difficoltà nel regolare le imprese di criptazione che non hanno sede in Canada, come Kraken, ma hanno un numero significativo di utenti canadesi.

La presentazione della CCDC afferma che dovrebbe esserci un approccio normativo equilibrato per non minacciare l'innovazione nello spazio.

"Anche il rischio legato a un errore nel giudizio normativo è alto - l'eccesso di regolamentazione bloccherà o sostituirà gli innovatori e gli investitori di beni digitali in Canada, e la regolamentazione e le regolamentazioni inefficaci con conseguenze dannose non intenzionali per gli innovatori e gli investitori del settore faranno altrettanto". sottomissione.

Andrei Poliakov, CEO e co-fondatore di Coinberry Exchange, ha lavorato con il CCDC su questo feedback.

"La mia più importante preoccupazione è fare in modo che qualsiasi regolamento venga approvato non soffochi la nascente industria delle criptovalute in Canada", ha detto Poliakov. Bitcoin Magazine. "L'industria delle criptovalute è globale e non conosce confini. La legislazione e l'eccessiva regolamentazione odiose metteranno semplicemente in difficoltà le imprese canadesi ".

Il CEO di Outlier Canada, Amber D. Scott, un consulente di criptazione sulla conformità, ci ha detto che attualmente esistono leggi che proteggono gli utenti, ma devono essere applicate.

"Mentre una regolamentazione efficace è importante, dobbiamo anche considerare le leggi già in vigore e il modo in cui vengono applicate (o non applicate)", ha affermato. "Ad esempio, la frode è già illegale in Canada, ma abbiamo poca applicazione - poche indagini e persino meno condanne".

Quindi, cosa succede ora? Il CSA può tenere tavole rotonde e le bozze di regolamento iniziali potrebbero essere rilasciate sei mesi dopo. È possibile che il CSA proceda alla stesura di regolamenti senza tavole rotonde, che dovranno quindi essere nuovamente sottoposti a commento.

Ogni provincia deve approvare questi nuovi regolamenti, quindi non è probabile che qualcosa sarà pubblicato in legge nel prossimo futuro.

NOTA: il processo di consultazione delle norme di sicurezza è stato intrapreso congiuntamente dal Amministratori di titoli canadesi e il Industry Investment Organizzazione di regolamentazione del Canada (IIROC).

Questo articolo è apparso originariamente su Bitcoin Magazine.



Fonte

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI