Minacce digitali uniche 5 (la sicurezza degli endpoint può difendersi)

ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar
ad-Midbar

Minacce digitali uniche 5 (la sicurezza degli endpoint può difendersi)

Minacce digitali uniche 5 (la sicurezza degli endpoint può difendersi)

Quali sono le cinque minacce digitali uniche che la sicurezza degli endpoint può aiutare a difendersi? Perché la tua azienda dovrebbe investire nella sicurezza degli endpoint? Inoltre, perché la sicurezza degli endpoint di prossima generazione può proteggere da queste uniche minacce digitali mentre le soluzioni legacy non possono?

Nei primi giorni della sicurezza informatica, le aziende si concentravano in gran parte sull'adozione di soluzioni antivirus. Dopotutto, farlo si è rivelato relativamente semplice: scarica la soluzione dai tuoi endpoint ed eseguila di tanto in tanto. Se rileva qualcosa, segui semplicemente i suoi consigli.

Tuttavia, quei giorni semplici sono passati da tempo. La prevalenza di antivirus e soluzioni di sicurezza endpoint ormai legacy ha costretto gli hacker ad adattarsi. Di conseguenza, hanno lavorato per rendere le loro minacce più evasive e sofisticate. Le firme, il metodo legacy per rilevare e prevenire il malware, sono diventate sempre meno rilevanti.

Invece, ora gli hacker si rivolgono a attacchi informatici molto più efficaci come minacce senza firma e malware senza file. Inoltre, gli attacchi di ingegneria sociale possono infiltrarsi negli endpoint aziendali.

A complemento di queste crisi, le reti aziendali continuano a crescere e ad espandersi. Sempre più dispositivi si connettono alle infrastrutture IT aziendali, talvolta numerando a migliaia. Se la soluzione di sicurezza dell'endpoint non è in grado di proteggere tutti i dispositivi collegati, non può aiutare la tua azienda.

La sicurezza degli endpoint di nuova generazione gestisce questi problemi, oltre a cinque minacce digitali uniche nella sicurezza informatica. Immergiamoci ora in queste cinque uniche minacce digitali!

Cinque minacce digitali esclusive Endpoint Security Fights

1. Dispositivi di collegamento dannosi

Una cosa che separa la sicurezza degli endpoint dalla sicurezza della rete o della sicurezza dell'identità è proprio nel nome: endpoint. Per loro natura, gli endpoint devono interagire con il mondo analogico. Naturalmente, gli hacker possono utilizzarlo a proprio vantaggio dannoso. Ad esempio, gli hacker possono programmare un'unità USB per fornire immediatamente un payload dannoso al momento della connessione.

In altri casi, il payload potrebbe non rivelarsi immediatamente pericoloso ma potrebbe contenere un allegato e-mail dannoso. Un esempio più bizzarro ha coinvolto gli hacker nella creazione di cavi di ricarica dannosi che assomigliano al vero affare e li usano per intrufolarsi di malware.

Per fortuna, la sicurezza degli endpoint di prossima generazione è dotata di una funzionalità critica progettata per combattere queste minacce: il controllo delle porte. Il controllo delle porte monitora attentamente ogni dispositivo che si collega agli endpoint collegati; blocca payload dannosi e collabora con il team di sicurezza IT per avvisarli di potenziali minacce.

2. Estensioni del browser dannose

Non fraintenderci: le estensioni del browser utilizzate in modo responsabile possono fornire funzionalità agli endpoint dei tuoi utenti. Tuttavia, le estensioni del browser sono tecnicamente applicazioni. Come tutte le applicazioni, hanno bisogno di un'adeguata verifica prima della distribuzione. Le applicazioni e le estensioni del browser possono rivelarsi benevoli, ma potrebbero anche rivelarsi malevoli. Inoltre, potrebbero non apparire così diversi al primo o addirittura al secondo sguardo.

Ovviamente, è qui che interviene la sicurezza dell'endpoint di prossima generazione. Offrono il controllo delle applicazioni, che regola rigorosamente ciò che gli utenti possono scaricare come applicazioni o estensioni del browser. Inoltre, il controllo delle applicazioni può eseguire una sorta di analisi comportamentale su applicazioni ed estensioni, alla ricerca di possibili infiltrazioni o sfruttamenti.

La sicurezza degli endpoint monitora ciò che accade sugli endpoint e ciò che tenta di penetrarlo. Usalo a tuo vantaggio.

3. ransomware

Poche minacce digitali uniche portano un tale retaggio di paura e danni come il ransomware. Ancora meno meritano la stessa eredità. Il ransomware fa entrambe le cose.

Il ransomware lavora per penetrare nelle reti aziendali e tenere i loro file critici in ostaggio attraverso la crittografia. In effetti, ransomware più sofisticati possono tenere in ostaggio interi server e reti. A meno che la tua azienda non paghi il riscatto, i tuoi file rimangono bloccati. Nei casi più gravi, gli hacker possono distruggere i file se il riscatto non viene pagato in modo tempestivo.

La tua azienda deve proteggersi dal ransomware. Pertanto, la tua azienda ha bisogno della sicurezza degli endpoint di prossima generazione per proteggersi. Grazie alle funzionalità antivirus di prossima generazione, è in grado di rilevare e respingere gli attacchi ransomware. Inoltre, grazie alle sue funzionalità di sicurezza della posta elettronica, le piattaforme di protezione degli endpoint possono esaminare i messaggi in arrivo e rilevare payload dannosi; quindi possono impedire loro di raggiungere l'utente target in primo luogo.

4. Malware di mining di criptovaluta

Questo malware distinto opera in modo diverso da qualsiasi altra minaccia vista prima. Opposto ai loro cugini ransomware rumorosi, il malware di mining di criptovaluta (cryptojacking) funziona tranquillamente. Scivola tra le fessure nella visibilità dell'endpoint e dimora nei punti ciechi. Da lì, attinge alla potenza di elaborazione dell'endpoint per eseguire i suoi compiti; essenzialmente, esegue processi complessi per generare criptovaluta per gli hacker. Finché rimane sui tuoi dispositivi, può costare migliaia di costi elettrici e causare importanti rallentamenti.

Per fortuna, la sicurezza degli endpoint di prossima generazione offre una delle funzionalità più importanti nella moderna sicurezza informatica: EDR. Il rilevamento e la risposta degli endpoint, o EDR, funziona come SIEM: cerca attività e comportamenti insoliti tra utenti e processi. Successivamente, può avvisare il team di sicurezza IT di eventuali minacce persistenti sugli endpoint per le indagini e le misure correttive. In altre parole, con EDR puoi trovare minacce permanenti come il malware di crittografia molto più facilmente e rapidamente rispetto a prima.

5. Malware senza file

Abbiamo accennato a questi sopra, ovviamente. Ma nessun elenco di minacce digitali uniche sarebbe completo senza menzionare malware senza file. Il malware senza file infetta la memoria dinamica di un computer host e trasforma la potenza del sistema operativo contro l'utente. Il malware senza file cerca vulnerabilità come programmi o applicazioni senza patch.

Sfruttando i processi di memoria dinamica, il malware senza file può agire senza scrivere nulla sul disco. Collega semplicemente il suo codice al codice nativo e lo lascia funzionare come tale. Pertanto, la maggior parte delle soluzioni legacy non nota alcun programma dannoso in esecuzione.

La sicurezza degli endpoint di prossima generazione mira a ridurre e prevenire il malware senza file; dopo tutto, potrebbe essere la minaccia più pericolosa per le infrastrutture aziendali. Ogni funzionalità di sicurezza degli endpoint funziona per riconoscere potenziali malware senza file: EDR, antivirus di nuova generazione, sicurezza della posta elettronica, controllo delle applicazioni e controllo delle porte.

Tutto nella sicurezza degli endpoint lavora allo stesso obiettivo, per dirla semplicemente. Ogni capacità opera insieme alle altre; la piattaforma non è completa senza tutti. Tienilo a mente quando effettui la selezione.

Endpoint Security lavora per proteggere la tua azienda dalle minacce digitali uniche che affliggono la tua rete ogni giorno. Se vuoi saperne di più, puoi consultare la nostra Guida all'acquisto di 2019 Endpoint Security. Copriamo i migliori fornitori di sicurezza sul mercato e le loro capacità chiave. Inoltre, condividiamo un'analisi della linea di fondo su ciascun fornitore.

Ben Canner

Ben Canner

Ben Canner è uno scrittore e analista di tecnologia aziendale che si occupa di Identity Management, SIEM, Endpoint Protection e Cybersecurity. Ha conseguito un Bachelor of Arts in inglese presso la Clark University di Worcester, MA. In precedenza ha lavorato come blogger aziendale e scrittore di fantasmi. Puoi raggiungerlo tramite Twitter e LinkedIn.

Ben Canner

Ultimi messaggi di Ben Canner (vedi tutto)

Fonte

ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom
ad-bottom

NON CI SONO COMMENTI